Province: ‘abbiamo un piano da 6 miliardi di euro per piccole opere’

22/07/2019 – “La riforma delle Province è valsa 26 centesimi di risparmio annuo a cittadino, lo 0,001 della spesa pubblica, ma ha provocato un taglio drammatico alle risorse che ha bloccato per cinque anni la manutenzione ordinaria dei 130 mila chilometri di strade e dalle oltre 7.400 scuole secondarie superiori in gestione, con -43% alla spesa corrente e -71% di risorse per gli investimenti dal 2013 al 2018”.
 
“È fallito poi completamente l’obiettivo della semplificazione, anzi, le Regioni hanno accentrato funzioni amministrative, così nel Paese abbiamo ancora oltre 1.700 enti strumentali, e più di 7.000 società e consorzi vari, oltre 300 Ato Acqua, Gas e Rifiuti che a livello provinciale, svolgono compiti che potrebbero essere assegnati alle Province. Con un risparmio reale, ma soprattutto realizzando quella semplificazione indispensabile che ci chiedono prima di tutto le aziende”.
 
Così il Presidente..
Continua a leggere su Edilportale.com

Conventi, caserme, fari: sogni di viverci? Ora puoi

22/07/2019 – Ex case cantoniere, vecchi conventi e caserme dismesse. Sono gli immobili pubblici su cui è calato il silenzio. Edifici in stato di abbandono, spesso antichi e di valore storico, oggi possono tornare a nuova vita con il piano di dismissioni, da 1,2 miliardi di euro, bandito dall’Agenzia del Demanio.

In tutto sono 93 gli immobili in vendita. Ecco una breve carrellata.

Ex Casa Cantoniera Vescia, Foligno – Perugia
L’edificio risale agli anni 1930, quando fu realizzata la S.S. Flaminia, ed è composto da due unità immobiliari.
 Foto: Agenzia del Demanio

Ex Casello Anas, Scoppito L’Aquila
L’edificio a due piani è stato realizzato negli anni Cinquanta. Sorge vicino alla linea ferroviaria L’Aquila-Terni.
 Foto: Agenzia del Demanio

Ex Caserma Bronzetti, Caserta
Questo edificio storico ha 6 corti interne e si trova in una zona di raccordo tra il centro storico e le aree di nuova espansione a..
Continua a leggere su Edilportale.com

Appalti e sconto alternativo all’ecobonus, in Toscana doppio scontro col Governo

22/07/2019 – Mantenere la riserva a favore delle Pmi toscane negli appalti e abrogare gli articoli del Decreto Crescita che consentono alle imprese di praticare uno sconto immediato in fattura in cambio dell’ecobonus o del sismabonus.
 
È la linea portata avanti dalla Regione Toscana, che ha deciso di costituirsi in giudizio di fronte alla Corte Costituzionale.
 
Pmi e legge regionale sugli appalti
Tutto è iniziato con l’impugnativa della Legge Regionale 18/2019 per la valorizzazione della buona impresa negli appalti. La norma prevede, nel caso di appalti inferiori a 1 milione di euro, che le stazioni appaltanti possano chiamare a partecipare alle gare PMI toscane fino ad un massimo del 50% del totale degli invitati. Secondo l’Esecutivo, la disposizione è contraria ai princìpi della concorrenza.
 
“Non vogliamo che questa possibilità sia eliminata” ha affermato il presidente regionale, Enrico..
Continua a leggere su Edilportale.com

Buone pratiche in edilizia, via alle domande per il concorso Inail

22/07/2019 – C’è tempo da oggi 22 luglio al 22 novembre 2019 per iscriversi alla prima edizione del concorso nazionale ‘Archivio delle buone pratiche per la salute e sicurezza sul lavoro nei cantieri temporanei o mobili’, l’iniziativa di Inail volta a creare e diffondere un archivio di buone pratiche di facile consultazione e semplice applicazione.
 
Il concorso intende sensibilizzare i partecipanti sul tema della prevenzione, per migliorare la sicurezza nei cantieri edili temporanei o mobili, riducendo il rischio di infortuni e malattie professionali. Alle buone pratiche, infatti, è attribuito ormai un ruolo strategico per la promozione della salute e della sicurezza nel settore edile.
 
Concorso Inail ‘Buone pratiche in edilizia’, chi può partecipare
Possono partecipare le imprese del settore edilizio che operano, anche indirettamente, nei cantieri temporanei o mobili, i coordinatori per la sicurezza nei cantieri..
Continua a leggere su Edilportale.com

Sport e Periferie, ecco i progetti finanziati

19/07/2019 – L’Ufficio dello Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato graduatoria dei progetti presentati nell’ambito del bando ‘Sport e Periferie 2018’ che finanzierà con 72 milioni di euro circa 250 progetti di impianti sportivi sparsi su tutto il territorio italiano.
 
Scarica qui la graduatoria
 
Bando Sport e Periferie: gli interventi finanziati dal bando 2018
La graduatoria include sia i 245 interventi oggetto di finanziamento sia gli interventi non finanziati, con l’indicazione del punteggio totalizzato.
 
L’Ufficio per lo Sport ha anche pubblicato l’elenco delle richieste di contributo che non sono state ammesse in quanto non hanno conseguito il punteggio minimo di 40 punti e l’elenco delle richieste di contributo non risultate ammissibili, a seguito dell’istruttoria amministrativa effettuata dall’Ufficio, in relazione all’importo del contributo richiesto.
 
In..
Continua a leggere su Edilportale.com

Progettisti, Confedertecnica chiede di valutare i requisiti su 15 anni anziché 10

19/07/2019 – Estendere a 15 anni il periodo di riferimento dei requisiti tecnico professionali per gli operatori di Servizi di ingegneria e architettura, così come avvenuto per le imprese che partecipano alle gare di affidamento appalto.
 
È la richiesta inoltrata da Confedertecnica, Confederazione Sindacale Italiana delle Libere Professioni Tecniche, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) e all’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), al presidente VIII Commissione dei Lavori Pubblici e al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (Cslp).
 
Valutazione dei requisiti, la riforma dello ‘Sblocca Cantieri’
Il Decreto “Sblocca Cantieri” (DL 32/2019 convertito nella Legge 55/2019), scrive Confedertecnica nella nota inviata al Mit e ad altri enti, ha esteso da 10 a 15 anni il periodo di riferimento per la certificazione del possesso dei requisiti tecnico-economici delle imprese.
 
La misura è..
Continua a leggere su Edilportale.com

Presto operativa Ansfisa, la struttura per la sicurezza delle infrastrutture

19/07/2019 – Presto sarà operativa l’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali (Ansfisa).  
 
Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli, infatti, ha trasmesso lo scorso 17 luglio al Consiglio di Stato gli schemi di Regolamento e Statuto di Ansfisa, istituita dal Decreto Genova.
 
Sicurezza infrastrutture: cosa è previsto per le ferrovie
Gli schemi di Regolamento e Statuto della nuova struttura prevedono che, con riferimento al settore ferroviario, l’Agenzia avrà competenza sull'intero sistema ferroviario nazionale; nella pratica svolgerà i compiti e le funzioni, anche di regolamentazione tecnica, corrispondenti alle funzioni ed ai compiti già esercitati attualmente dall’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie (Ansf).
 
Per le infrastrutture transfrontaliere specializzate, l’Ansfisa dovrà svolgere..
Continua a leggere su Edilportale.com

Bonus mobili, l’acquisto di una lavasciuga è agevolabile?

19/07/2019 – Si ha diritto al bonus mobili per l’acquisto di una lavasciuga biancheria? L’Agenzia delle Entrate, con la risposta 249/2019, ha affermato che dipende da una serie di fattori, primo tra tutti la classe di efficienza energetica dell’elettrodomestico.
 
Bonus mobili ed elettrodomestici, i requisiti per ottenerlo
L’Agenzia delle Entrate ha spiegato che ai contribuenti che fruiscono del bonus ristrutturazioni per interventi iniziati a decorrere dal 1º gennaio 2018, è riconosciuta una ulteriore detrazione per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore ad “A+” (o superiore) e “A” (o superiore) per i forni, destinati ad arredare l’immobile interessato. 
 
La circolare 7/2018 ha specificato che, per ottenere la detrazione, gli elettrodomestici devono essere provvisti di etichetta energetica. L’acquisto di grandi elettrodomestici..
Continua a leggere su Edilportale.com

Immobili pubblici, via al piano di dismissioni da 1,2 miliardi di euro

18/07/2019 – In partenza il piano di cessione degli immobili pubblici che porterà sul mercato 420 immobili e terreni non utilizzati per finalità istituzionali.
 
È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 28 giugno 2019 che contribuisce a definire il perimetro e le modalità di azione del piano triennale di dismissioni (2019-2021) previsto dalla Legge di Bilancio 2019.
 
Cessione immobili pubblici: gli obiettivi del Governo
Secondo il Governo il piano avrà effetti positivi sulla finanza pubblica come l’abbattimento diretto del debito dello Stato e il miglioramento del debito degli enti locali.
 
Gli immobili ricompresi nel piano di cessione, infatti, hanno un valore stimato di circa 1,2 miliardi di euro; l’obiettivo è conseguire introiti per 950 milioni di euro nel 2019 e per 150 milioni di euro nel 2020 e nel 2021.
 
Inoltre, cambiando la proprietà e la destinazione d’uso..
Continua a leggere su Edilportale.com

Sconto al posto dell’ecobonus, il M5S apre sulla cessione alle banche

18/07/2019 – Lo sconto al posto dell’Ecobonus e del Sismabonus potrebbe cambiare. Lo ha annunciato Mario Turco (M5S), componente della Commissione finanze del Senato.  
 
Il meccanismo, introdotto dal Decreto “Crescita” per dare maggiore impulso ai lavori di riqualificazione energetica e messa in sicurezza antisismica, non è ancora operativo perché necessita di un provvedimento attuativo, che dovrà essere adottato dall’Agenzia delle Entrate. La misura però ha suscitato già le critiche delle associazioni del settore sui possibili effetti distorsivi.
 
In generale, lo strumento della cessione del credito corrispondente all’Ecobonus o al Sismabonus non è chiaro, tanto che molto spesso l’Agenzia delle Entrate è chiamata a rispondere ai dubbi degli operatori.
 
Sconto alternativo all’Ecobonus, M5S: ‘correzione al DL Crescita’
"L’articolo 10 del..
Continua a leggere su Edilportale.com