Sblocca Cantieri, nel nuovo Codice Appalti procedure più veloci o meno concorrenza?

30/04/2019 – Sono state concepite per velocizzare l’apertura dei cantieri. Sono le modifiche al Codice Appalti introdotte dal decreto “Sblocca cantieri” (DL 32/2019).
 
Prescindendo dalle considerazioni sui tempi di approvazione della norma, un po’ rallentati rispetto all’obiettivo di accelerazione dell’iter dei lavori, (il primo via libera del CdM è arrivato il 21 marzo, il secondo il 18 aprile e l'entrata in vigore il 19 aprile, cui bisogna aggiungere i 60 giorni per la conversione in legge) il decreto introduce misure che, in alcuni casi, sembrano limitare la concorrenza nell’ottica della semplificazione e non piacciono ai progettisti.
 
Progettisti, ci sarà meno lavoro?
Una delle disposizioni che ha suscitato le proteste dei professionisti è la reintroduzione (seppur a tempo) dell'appalto integrato: questa procedura non sarà più vietata per le opere i cui progetti definitivi siano..
Continua a leggere su Edilportale.com